Segui il nostro iter di certificazione

A

Halal Italia stabilisce la composizione del gruppo di verifica ispettiva e invia all’azienda i nominativi degli ispettori (auditor) che effettueranno la verifica di certificazione.

B

Gli auditor e i tecnici di Halal Italia riuniscono al proprio interno le seguenti competenze:

  • dottrina islamica in materia alimentare, cosmetica e farmaceutica
  • standard di certificazione halal nazionali e internazionali applicati
  • settore produttivo di interesse
  • metodi e modalità di conduzione dell’audit

Halal Italia richiede ai propri auditor e tecnici di sottoscrivere un modulo con l’obbligo di riservatezza su tutte le informazioni dell’azienda delle quali verranno a conoscenza.

C

La pianificazione delle verifiche ispettive prevede di concordare in anticipo con l’azienda la data dell’ispezione almeno cinque giorni prima. Viene quindi trasmesso il piano di audit da parte del gruppo di verifica ispettiva.

D

Le verifiche ispettive nel sito produttivo, le visite di sorveglianza e quelle straordinarie sono strutturate come segue:

  • una riunione iniziale con la Direzione e i responsabili dell’azienda per confermare le finalità e le modalità dell’ispezione in relazione al piano di audit precedentemente trasmesso
  • la verifica di procedure, processi e prodotti per i quali è richiesta la certificazione e ai quali è necessario assistere direttamente
  • l’approfondimento di rilievi riscontrati nel corso dell’analisi documentale o di verifiche precedenti
  • una riunione finale per presentare alla Direzione e ai responsabili dell’azienda i risultati e le conclusioni del gruppo di verifica ispettiva in merito alla rispondenza di prodotti, processi o servizi rispetto agli standard di riferimento precisando eventuali Non Conformità, Raccomandazioni e Commenti riscontrati.
E

Dopo l’ispezione, entro pochi giorni, Halal Italia invia all’azienda il rapporto di audit che descrive i risultati della verifica ispettiva con le eventuali Non Conformità, Raccomandazioni e Commenti riscontrati. L’azienda è tenuta a sottoscrivere il rapporto di audit per presa visione e accettazione ritrasmettendolo ad Halal Italia.

F

A fronte del rilascio di Non Conformità e di Raccomandazioni, l’azienda deve inviare ad Halal Italia, nei tempi concordati e sull’apposita modulistica, l’analisi delle cause, i trattamenti e le azioni correttive emerse dai rilievi, indicando la tempistica di attuazione. L’Ente di certificazione valuta ed approva le azioni correttive proposte e, qualora non le ritenga adeguate, ne informa per iscritto l’azienda per le revisioni necessarie.

Responsabilità e obblighi

L’azienda è responsabile dell’osservanza delle disposizioni legislative in vigore relative ai propri prodotti, processi o servizi con esclusione di qualsiasi responsabilità od obbligo di garanzia da parte di Halal Italia. L’azienda si impegna a garantire la completezza e veridicità dei documenti e delle informazioni trasmesse all’Ente di certificazione. Halal Italia è espressamente esonerata da ogni responsabilità per danni dovuti alla mancata o incompleta comunicazione di dati, come pure nel caso che gli stessi non corrispondano alla reale situazione aziendale.

Protezione dei dati personali e societari

Halal Italia garantisce la riservatezza e cura dei dati dei quali verrà a conoscenza o in possesso, che saranno trattati secondo la vigente normativa sulla privacy (D.Lgs. 196/2003 e succ. mod.) e in conformità con la norma di accreditamento per Enti di certificazione halal UAE.S 2055-2 GSO 2055-2.